Messaggio
  • Cookies

    Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti clicca sul link presente dopo il pulsante. Se clicchi sul pulsante “ accetto “ allora acconsenti all ’ uso dei cookie

    Informazioni sui cookies

Confcommercio Gorizia sui danni causati dall'allontanamento della Brigata Pozzuolo

Chissà perché è sempre la città di Gorizia a dover fare sacrifici: leggiamo con estremo disagio la nota inviata dallo Stato maggiore dell’Esercito, nel quale apprendiamo  “la decisione, conseguente alle norme su Spending Review, legge di stabilità e revisione dello strumento militare, che contemplano la riduzione di due delle 11 brigate di manovra, e tra queste della Pozzuolo”.

A pensar male si fa peccato, ma pare evidente come la nostra città sia il finalino di coda degli interessi nazionali.

A questo punto, non ci resta che sostenere l’azione diplomatica del primo cittadino per cercare di salvare il salvabile. Per questo motivo, Confcommercio Gorizia rimarca in modo deciso l’assoluta importanza della Brigata Pozzuolo, dei suoi militari e delle rispettive famiglie anche per l’economia del territorio.

Un’economia già vicina al collasso irreversibile e che con l’allontanamento della Brigata potrebbe ricevere il definitivo colpo di grazia.

La preoccupazione  è che a forza di impoverire Gorizia, tra poco di lei non resterà nulla.

Chiudono negozi di continuo e con essi posti di lavoro. Tra poco la nostra offerta non sarà idonea a soddisfare esigenze base dei cittadini, mettendo come sempre in difficoltà le categorie più deboli, con costi sociali che non ci possiamo permettere.

Ma sembra che questo interessi a davvero poche persone.

E’ ora di finirla. Gorizia o, meglio, i suoi cittadini meritano rispetto e non possono accettare che imposizioni calate dall’alto rovinino in modo irreversibile il proprio vivere quotidiano. Perché di questo stiamo parlando: la vita di ogni giorno. Gorizia non può sostenere l’improvviso ammanco dell’indotto della Brigata. Già è penalizzata dalla concorrenza slovena su molto campi del commercio e dell’artigianato, oltre a essere eccessivamente lenta nel concretizzare progetti (è il caso del Progetto Leonardo), se a questo aggiungiamo il costante depauperamento di funzioni avvenuto negli ultimi anni, fino all’addio della Brigata Pozzuolo del Friuli, è facile comprendere come la sussistenza stessa della città sia a rischio.

Per questo, invitiamo tutte le forze politiche ad attivarsi in modo congiunto attraverso i rispettivi canali per cercare in ogni modo possibile di mantenere la Brigata Pozzuolo del Friuli a Gorizia. 

 
convenzioni
lets go
facebook
twitter
oggi impresa
tempONweb
scadenzeFISC
TERZSICUR
copertina fimaa
VENDITA SACCHETTI
raccolta